Tutto, o niente….

A volte nella nostra vita accadono più cose insieme, e la nostra testa entra in un vortice di dubbi e pensieri.

Un turbine di emozioni.

Il dubbio.

Non resta che fermarsi, accendere la radio, e riflettere, riflettere su quale sia la decisione giusta da prendere, calcolando ogni azioni e sommando tutti i pro e i contro anche.

Mi sento un pò in difficoltà.

Ho paura di prendere decisioni sbagliate. Ho paura di sbagliare strada.

Un passo alla volta, sicuramente non cadrò. E se dovessi cadere, come già è successo in passato mi rialzerò, di questo sono certa.

Ma a questo punto, trovo le decisioni difficili.

So anche che da lassù, ci sarà qualcuno che mi indirizzerà la giusta strada. Ne sono certa.

aspetto il tuo segnale. Aspetto te…

Essere genitore è una decisione

Quando uno decide che vuole essere genitore, pensa che nella propria vita tutto cambi, ovviamente in meglio.

Scopri di essere incinta un giorno, è tutto il tuo mondo si circonda di rosa e azzurro… fino a che attacchi poi il fiocco alla porta di casa.

I bambini piccoli, sono così belli e indifesi.

Dipendono da te al cento per cento.

Gli anni passano, le cose cambiamo, non cambia l amore che provi per loro.

Quello aumenta giornalmente.

Anche nel momento in cui più ti fanno arrabbiare, quell amore non si modifica mai in negativo.

A volte però ci sono momenti in cui la tua scelta non può essere che mantenere una linea dura.

Sono così belli da piccolini. Per poi diventare qualcosa di terrificante in età adolescenziale.

Li sono lotte e guerre, tu vorresti solo comprendere i loro perchè, ma a volte sono difficili.

questi adolescenti sono complicati.

Forse lo eravamo anche noi.

prima di andare a lavoro

ore 5.58

Ho fatto fatica ad alzarmi stamani.

ma era prevedibile, dato che ieri ho dormito fino alle 20, e stanotte ho ballato per addormentarmi.

una stanchezza autentica mi prende quando esco da lavoro, è un paio di ore le dormo.

adesso, sono pronta per andare a fare il turno del mattino, fortunatamente passa in fretta, ci sono un sacco di cose da fare, e quindi non hai molto tempo per pensare.

poi arrivo a casa e c’è quella mezz ora di elaborazione della mattinata.

e sai cosa penso?

che non potevo scegliere titolo più appropriato e corretto per il mio blog.

passando da un argomento all altro : le notizie appena sveglia mi irritano di più che lette al pomeriggio…

momento storico importante, ma nessuno e sottolineo nessuno fa i conti con la realtà…

le cose non vanno bene, ma è colpa degli uomini.

non ci si ascolta, non ci si rispetta.

tutti troppo egoisti e concentrati su di sé.

vado a lavoro.

pensiero…pensieri

e mi ritrovo in una sorta di malessere.

non mi va di confrontarmi, nè tanto meno di espormi.

una sensazione di tristezza, ma non compresibile.

cioè fondamentalmente non c’è un motivo concreto.

è questo tempo che trascorre, rapido , che non mi permette di essere felice.

forse tirare fuori ciò che ho dentro mi potrebbe anche fare stare meglio.

ma non c’è motivo di sentirmi così.

è forse un male dell’anima, un male che non ha una reale giustificazione.

se ci rifletto, è la paura di non raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata, è la causa delle mie preoccupazioni.

a volte temere di fare il passo più lungo della gamba.

mi fermo e prendo un pò di tempo.

anche questo momento passerà.

impercettibile

parole, che lasciano il tempo che trovano.

tu, che carichi mente e anima.

non tutti capiscono.

non è neppure complesso, ma spesso, semplicemente le persone non hanno voglia di ascoltare.

trovo per lo più che semplicemente si accontentano.

sono così banali.

scoprire la bellezza dell’essere non è cosa per tutti.

ma una volta scoperta, difficilmente ne puoi fare a meno.

e così che trasformi la tua curiosità, ti informi, studi, e non smetti più.

potrei definirla una dipendenza del sapere.

è così imprevedibile, che in un attimo è tutto diverso.

a detta tuo, è tutto più bello.